Chirurgia dello stomaco

Il gruppo multidisciplinare di cui faccio parte ha valenza nazionale (GIRCG, Gruppo Italiano per la Ricerca sul Cancro Gastrico) e rappresenta il benchmark clinico e scientifico occidentale per la cura di questa neoplasia.

 

Oltre all’intervento chirurgico, seguiamo il paziente nel percorso di chemioterapia (neoadiuvante prima dell’intervento o adiuvante dopo l’intervento quando appropriato), o di chemio-radioterapia.

 

La mia attività di ricerca si è dedicata particolarmente al cancro gastrico, studiando ad esempio le metastasi epatiche metacrone da carcinoma gastrico, le vie di deflusso linfatico del carcinoma gastrico, i fattori prognostici dopo chirurgia curativa del carcinoma gastrico nei pazienti N0, la chirurgia del cancro gastrico nell’anziano, la terapia chirurgica del carcinoide gastrico di tipo 1, i tumori gastrici stromali e il ruolo della chirurgia nel carcinoma gastrico di stadio IV.

 

Ho contribuito alla stesura delle Linee Guida ufficiali del Gruppo Italiano per la Ricerca sul Cancro Gastrico (GIRCG), ho coordinato la Consensus Conference nazionale della Società Italiana di Chirurgia sul trattamento del cancro gastrico, e sono stato tra i promotori e coordinatori del progetto Charter Scaligero on Gastric Cancer che ha elaborato criteri omogenei a livello internazionale per il follow-up dei pazienti operati di tumore allo stomaco, e al quale hanno partecipato 50 esperti internazionali da 41 Paesi.

 

Dal 2016 sto coordinando un importante studio europeo al quale partecipano 35 centri sulle complicanze dopo chirurgia gastrica per cancro. Maggiori informazioni su questo progetto di ricerca multicentrico che è stato sponsorizzato dallo European Chapter della International Gastric Cancer Association si possono trovare al link

 

www.gastrodata.org

 

Inoltre, sto studiando i pattern di interessamento linfatico del cancro gastrico mediante immunofluorescenza con verde di indocianina, nonché il ruolo della chirurgia nel cancro gastrico di stadio IV e la chirurgia per cancro gastrico con metastasi linfonodali a distanza.

 

*****  ****  ****

 

Per i pazienti che hanno affrontato una gastrectomia, nonché per i loro familiari ed amici, l'Associazione onlus Vivere senza stomaco (si può) può offrire molte informazioni utili ed aiuto concreto.